CASA CUCINA

Cucina_catalana_00

CUCINA CATALANA, TRADIZIONE E VARIETA'

La cucina catalana è una cucina variegata che fa ampio uso di pomodori, olio, peperoni e spezie ed è considerata una delle tradizioni più ricche della Spagna.
E' fondamentalmente una cucina mediterranea dove i prodotti del mare la fanno spesso da padroni, ma annovera anche ricette di origine greca e romana e persino medio-orientale.
Molto saporita, la quale non teme mescolare il dolce con il salato ed ingredienti come il miele, la cannella, le mandorle, i pinoli e la frutta secca accompagnano spesso piatti che nulla hanno a che vedere con il dessert.

Pa_amb_tomaquet_01

Alcune ricette tipiche non differiscono molto da quelle della tradizione gastronomica italiana. Anzi.
Pensiamo alle pa amb tomaquet, fette di pane con del pomodoro e saporito con olio di oliva e sale e spesso anche con dell’aglio. Chi in Italia non le gusta con il nome di bruschette?
Per quanto riguarda le salse, quelle fondamenali della gastronomia catalana sono quattro o cinque (tra cui sofregit, picada e allioli), ma una è la più nota ed utilizzata. Romesco - questo è il suo nome - è una salsa che viene da Tarragona ed è una fine miscela di pomodori, peperoni rossi, cipolle, aglio, mandorle e olio di oliva. Contiene, cioè, tutti gli ingradienti base della cucina della Catalogna.

Salsa_Romesco_01

Quali sono i piatti più importanti della cucina catalana?
Sempre dalla provincia di Tarragona è originaria la calçotada, è fatta con delle cipolle locali sopra un gran fuoco: quando sono cotte, queste cipolle diventano carbonizzate fuori, ma restano tenere all’interno. Si mangiano usando una spazzolina per cavare le ceneri dall’esterno e poi tocciandole, nemeno a farlo apposta, nella salsa romanesco.
La fideua, invece, altro non è che una versione della paella con scampi, granchio e pollo, peperoni dolci e pomodori, ma con della pasta al posto del riso tradizionale. In fondo, la cucina di questa regione ha subito non poco le influenze della vicina Valenzia.

Sarsuela_01

Grazie alla posizione geografica della regione, la gastronomia catalana fonde mar y muntanya: pesce di qualità pregiata, crostacei e molluschi, alcuni dei quali presenti solo sulle coste catalane, e carni di vario genere, ma in particolare maiale (si pensi alla cassola de tros: casseruola di verdure, maiale e chiocciole con contorno di patate) e selvaggina.
Ad accompagnare il tutto, una vastissima scelta di verdure e di frutta e numerose specie di funghi di bosco e di prato.
Rinomata è l'escudella I carn d’olla, una zuppa di manzo locale: carni e verdure cotti insieme in una grande padella.
Tra i secondi piatti tipici vi è il conill amb cargols, coniglio cotto in una salsa molto profumata con un contorno di chiocciole.

Crema_catalana_01

Da provare la sarsuela, pesce e crostacei cotti con olio di oliva in una slasa tipica dei pescatori, la quale a fatta con cipolle, aglio, sherry, pomodori e paprika. La mariscada, invece, consiste in un piatto di frutti di mare con granchio e scampi fritti in olio di oliva e aglio.
Immancabile l'arros negro, ovverosia il riso con calamari (ecco perché chiamato nero).
Tanti i dolci tipici, ma l'emblema regionale in questo senso è la deliziosa crema catalana. Il modo migliore per concludere un pasto.
Il pranzo (e non solo) è servito.