CASA CUCINA

I BEFANINI 

L'Epifania nella Valle del Serchio, in Toscana, ha un'atmosfera e un sapore tutto particolare. Ogni anno, infatti, il 5 e 6 gennaio, in questa parte della regione stretta tra le Alpi Apuane e l'Appennino Tosco Emiliano che si estende dalla piana di Lucca alla Garfagnana, lungo il bacino del fiume Serchio, si ripete una tradizione unica e suggestiva che, nel 1897, ha addirittura ispirato Giovanni Pascoli che alla Befana ha dedicato una delle sue poesie più toccanti e famose.

E poi c'è l'aroma inconfondibile dei “befanini”, i biscotti tipici che le famiglie della Valle preparano ancora oggi rigorosamente in casa tramandando la ricetta di generazione in generazione.

Ricetta tradizionale del Ciocco Tenuta e Parco

Ingredienti
Per il biscotto: farina 1 kg - zucchero 700 g - burro 250 g
6 tuorli d'uovo e 4 albumi e mezzo una bustina di lievito scorza di limone e di arancia grattugiate
Per il marzapane: mandorle tostate e tritate 300 g - zucchero 280 g - 1 albume e mezzo d’uovo - scorza di limone e di arancia grattugiate - alchèrmes, rum, cognac e sassolino.

Procedimento
Lasciare il burro a temperatura ambiente, unire gli altri ingredienti e lavorare bene per ottenere un impasto omogeneo che va fatto riposare in frigorifero per almeno mezza giornata.
Il marzapane si prepara amalgamando insieme tutti gli ingredienti perché la pasta deve risultare abbastanza consistente, non troppo morbida.
Stenderla con un mattarello e fare biscotti di varie forme che devono essere “pizzettati” (possibilmente con pinzette in metallo) sul lato esterno in modo da lasciare internamente lo spazio per inserire il marzapane.
Inserire quindi il marzapane e sopra fare una decorazione con fiorellini, foglioline o altri piccoli ornamenti di pasta.
A questo punto far riposare per circa un giorno, poi procedere alla cottura in forno a circa 200°.
Appena tolti dal forno, i biscotti devono essere spolverizzati con lo zucchero a velo e lasciati freddare.
Inseriti in appositi contenitori si mantengono per molto tempo.