INBE KAWORI IN MOSTRA

Giovedì 8 novembre 2012 all’art Gallery MO.OM di Milano viene inaugurata Suburbia, Kigurumi, Hikikomori – il punto di vista poetico di Inbe Kawori, la prima mostra personale in Europa della fotografa giapponese già diventata Cult, alla sua giovane età, per le community della rete e dei social media locali e internazionali che seguono le ultime tendenze urbane e pop.

La mostra è in programma fino al 31 marzo 2013 nell’originale spazio culturale del MO.OM hotel. “In Suburbia, Kigurumi, Hikikomori, Inbe Kawori, giapponese, nata a Tokyo nel 1980, ritrae realtà urbane e suburbane, tendenze e alienazioni ai confini della psicosi, proprie di una megalopoli come Tokyo, con i suoi 30 milioni di abitanti” spiega Christian Gancitano, curatore della mostra. “L’artista lo fa attraverso ritratti di ragazze reali – non modelle ma persone che amano farsi fotografare da Inbe. Contattate in rete o attraverso i social media, le protagoniste dell’opera di Kawori amano apparire diversamente, evadere,  cercano uno stacco dalla monotonia della quotidianità attraverso, ad esempio, il “Kigurumi” letteralmente “pigiama” o travestendosi.
Altro soggetto privilegiato della poetica di Inbe è il mondo degli Hikikomori. L’artista cattura in modo discreto ma diretto, dall’interno, un fenomeno ritenuto patologico delle società ultra tecnologiche: ragazzi e ragazze giovani chiusi in casa, collegati al mondo soltanto via internet, per lunghi mesi, a volte anni, nelle loro (piccole) abitazioni della megalopoli. Una realtà molto particolare che sta toccando anche le società “occidentali” che guardano in modo molto attento e preoccupato questo fenomeno oramai dilagante anche negli stati Uniti e in Europa.
Lo sguardo di Inbe ci rivela questo mondo, sommerso da fumetti, gadget e rifiuti di prodotti di consumo di massa” conclude Gancitano.

In sintesi, come nella lezione del grande “maestro” della fotografia del Sol Levante Nobuyoshi Araki, Inbe Kawori riesce a “raccontare storie di vita vissuta” anche attraverso realtà estreme che fanno però trasparire poesia, valore estetico, emozioni reali e a volte un erotismo suggerito, mai diretto, così come vuole la tradizione giapponese, dalle stampe Shunga fino alle ultime tendenze del cinema e del fumetto Hentai.

La personale di Inbe Kawori è il secondo appuntamento di un ciclo di tre mostre dal titolo Micropop ultime tendenze artistiche dal Giappone visionario, a cura di Christian Gancitano e promosso dall’Associazione culturale AsXPO in collaborazione con MO.OM Gallery.
Il ciclo si chiude a maggio 2013 con la collettiva Nipposuggestionàti dedicata all’arte Pop Surrealista influenzata da Manga, anime e culture pop giapponesi.

featuredmodelfacebook_728x90

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*