LARTIGUE A MILANO

Il Museo Bagatti Valsecchi torna ad ospitare la fotografia contemporanea: l’arte di Jacques Henri Lartigue è infatti protagonista, dal 29 settembre fino al 26 novembre 2017, di una piccola ma importante mostra internazionale – a cura di Angela Madesani – che racconta attraverso i suoi scatti il fotografo francese.

Trentatré immagini, tra vintage e modern print, narrano la vita dell’alta borghesia francese a partire dalla Belle Époque: la famiglia, i viaggi, la passione per le corse automobilistiche, gli intellettuali e i personaggi – da Pablo Picasso a Jean Cocteau – che hanno segnato la storia dei primi decenni del Novecento. La mostra presenta materiali originali provenienti dalla Donation Jacques Henri Lartigue e costituisce una rara occasione di conoscenza e divulgazione della ricerca dell’artista, i cui scatti sono custoditi nelle collezioni permanenti di noti musei quali le Galeries Nationales del Grand Palais di Parigi.

L’importanza del lavoro di Lartigue non è solo di natura fotografica ma più ampiamente culturale: le sue immagini offrono un ritratto dell’alta società dall’allure inconfondibilmente francese ma anche incredibilmente vicino ai riti e ai costumi dell’aristocrazia internazionale, fatti propri dagli stessi Bagatti Valsecchi, nei medesimi anni. Le atmosfere sono quelle della Recherche di Proust: le spiagge, gli ippodromi, gli incontri mondani. Si tratta di foto in grado di suscitare emozioni, rimandi iconografici e non solo a un mondo definitivamente scomparso.

Pittore e fotografo, Jacques Henri Lartigue (Courbevoie 1894 – Nizza 1986), rivela con chiarezza nei suoi diari cosa lo abbia spinto a fotografare: il desiderio di fissare le immagini e i momenti felici che il tempo inevitabilmente porta via. Lo fa per tutta la vita, scrivendo e fotografando il proprio mondo.

Tra le iniziative collaterali della mostra sono previste una serie di visite guidate gratuite incluse nel costo del biglietto d’ingresso, nelle date del 7 e 21 ottobre, e del 4 e 25 novembre alle ore 16.

Anche per le famiglie sono previste delle attività ad hoc: nelle date del 14 ottobre e 18 novembre sarà possibile visitare la mostra accompagnati da una guida speciale e partecipare al laboratorio “Racconti di Ritratto”, in cui i bambini potranno esplorare il mondo della fotografia e capire cosa renda speciale i ritratti. Per prenotazioni: didattica@museobagattivalsecchi.org o 02 76006132.

La mostra è stata realizzata con il contributo di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo. È organizzata dal Museo Bagatti Valsecchi con il patrocinio dell’Institut Français – Italia, con il sostegno di Amundi – Asset Management, Anima, Banca Generali, Conceria Milanese S.p.a., IRPA, Morgan Stanley, Oddo Meriten, Wanannes. Il progetto espositivo è stato curato da Lissoni Associati, con il contributo tecnico di Ciaccio – Broker Insurance Group, Glas Italia, Le Cornici di Marta Netti, Shipping Team. Media partner dell’iniziativa sono Artslife, The Art Post Blog e Sky Arte.

Un catalogo edito da Scalpendi accompagna la mostra, in vendita presso il bookshop del Museo al prezzo di 15 euro.

JACQUES HENRI LARTIGUE FOTOGRAFO. Il tempo ritrovato
Museo Bagatti Valsecchi, Via Gesù 5 – Milano
29 settembre – 26 novembre 2017
Da martedì a domenica, 13 – 17.45 (chiuso tutti i lunedì e il 1 novembre)
Ingresso: intero 9 euro, ridotto 6 euro.

featuredmodelfacebook_728x90

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*